vita onirica n. 4

chi me li interpreta è un mezzo Dio
—————————– –
il quarto sogno:


sono una bambina di circa 12 anni, di colore. sono vestita con un vestitino un pò logoro, bianco a fiorellini stretto in vita da una cintura uguale. hanno arrestato i miei amici, che sono degli adulti e sono bianchi, gente che lotta per la mia gente. e siamo in una specie di bar dove ci sono quelli che ci hanno arrestato. mi fanno stare in piedi sopra uno sgabello e tengo per mano delle corde a cui sono appesi per i piedi gli amici che hanno arrestato. (come faccia a reggere tutto sto peso, non è dato saperlo).


dopo un pò, in preda alla paura, mi accorgo che i miei amici stanno riuscendo a liberarsi, allora in un momento in cui vedo i nostri nemici distratti, li lascio cadere, così si liberano e corro velocissima all'uscita. scappo, prendo la strada principale e poco dopo mi infilo in un vicolo. vedo che al piano superiore di una casa c'è una grossa vetrata in cui stanno facendo una cerimonia funebre e tutti i bambini sono in divisa, una divisa verde e bordeax, tutti precisi, ma sono anche loro bambini di colore. io cerco di mischiarmi tra loro ma non posso perché non ho la divisa come la loro. solo che mi stanno cercando, devo nascondermi. un tipo mi batte sulla spalla e mi chiede cosa faccio lì. è un "fratello" anche lui, con dei bei capelli rastoni. gli dico che anche io conoscevo il bambino morto e volevo partecipare al funerale. lui mi dice che è una cosa buona e si mette a parlare dell'importanza della libertà di parola. io intanto guardo in strada, mi stanno cercando, vengono da questa parte. lui mi vede agitato. una ragazza, anche lei di colore, mi si avvicina e mi chiede se è me che cercano. le dico di sì. mi dice di seguirla, entriamo in un'abitazione dove è tutto buio e in una stanza invasa da mucchi di vestiti, c'è una specie di mobile cucina. lei mi dà una chiave piccolissima e mi dice che sotto il lavello c'è uno sportellino piccolo, di infilarmi lì sotto che mi nasconde. stanno arrivando, li ho alle spalle. prendo la chiave, ma ho i guanti grossi (tipo i miei dello scooter) e non riesco a aprire, li tolgo ma escono lentamente, finalmente apro e mi infilo dentro, proprio prima che arrivino.

vita onirica n. 4ultima modifica: 2005-03-14T17:11:45+01:00da valelook
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento